Amy Macdonald tra le stelle scozzesi che sostengono la lotta contro le malattie cardiache

Le malattie cardiache sono la principale causa di morte per le donne, ma sono ancora meno ben gestite degli uomini.
Un appello di beneficenza per combattere le malattie cardiache – la principale causa di morte nel paese – sarà lanciato oggi, con l’aiuto di una grande stella.

Heart Research UK lancia il suo appello “Heart of Scotland” in occasione di un evento presso il Balmoral Hotel di Edimburgo, con la partecipazione di molti rinomati sostenitori scozzesi.
The Heart of Scotland è un appello alla raccolta di fondi per raccogliere e spendere soldi in Scozia per la ricerca medica vitale per la prevenzione, il trattamento e la cura delle malattie cardiache.

La chiamata è già stata sostenuta da Amy Macdonald, Val McDermid, Mark Bonnar e altri. Il bando viene lanciato con una gamma di quattro distintivi dai colori vivaci e T-shirt uniche disegnate dal designer Christopher Kane. Sono disponibili in tutta la Scozia, così come una serie di attività di raccolta fondi in tutto il paese.

Il signor Kane ha detto: “La chiamata dal cuore della Scozia è una causa che mi sta letteralmente a cuore, tutto ciò che può aumentare la consapevolezza e potenzialmente salvare vite umane ne vale sempre la pena. Essendo cresciuto in Scozia in un ambiente operaio, le malattie cardiache sono sempre state molto diffuse. Molti dei membri della famiglia e degli amici dei miei genitori sono morti molto presto per un “infarto” e nessuno ha chiuso gli occhi.

“E’ bene far parte dell’educazione e rafforzare le misure preventive, anche se è solo un po’, aiuta ad evitare così tanto dolore”.

Le malattie cardiovascolari sono responsabili di più di un quarto (27%) di tutti i decessi in Scozia, o più di 15.000 morti ogni anno. La cardiopatia coronarica (CHD) è la principale causa di morte in Scozia.

Fonte: https://www.edinburghnews.scotsman.com/news/entertainment/amy-macdonald-and-val-mcdermid-among-scottish-stars-backing-heart-disease-appeal-1-4904750

Back To Top