Amy Macdonald: È “difficile stare al passo” con il panorama in continua evoluzione dell’industria musicale.

Music industry

Amy Macdonald ha ammesso che è “difficile stare al passo” con il panorama in continua evoluzione dell’industria musicale.

La cantante scozzese di 33 anni è tornata con il suo primo album dal 2017, “The Human Demands”, e Amy ha ammesso di essere contenta di non essere più una nuova artista, a causa della pressione di pubblicare costantemente nuova musica e di essere su tutti i social media.

L’industria musicale secondo Amy

Ha detto alla rubrica Wired del Daily Star’s Wired: “Vedi arrivare nuovi artisti e sembrano così giovani e spensierati ed è totalmente in contrasto con quello che sono io.

“Sento che sono cambiate così tante cose da quando ho fatto la mia scoperta, che l’intero paesaggio è cambiato così tanto che a volte è difficile per me stare al passo.

Il problema per loro come nuovi artisti è l’aspettativa che se non sei costantemente sotto i riflettori non sei più importante e credo che questo accada spesso, così mettono la musica in continuazione e perde la sua magia”.

Nel suo ultimo album, Amy canta degli alti e bassi della vita e ha ammesso che è importante che la gente sappia che è “OK sentirsi un po’ c***” e ne parli.

In un comunicato stampa per la recensione ha detto: “Molti dei temi di questo album riguardano l’invecchiamento, il che sembra ridicolo dato che ho solo trent’anni.

“Ma ho firmato il mio primo contratto discografico a 18 anni, che sembra un’eternità, e a livello personale, sono in una fase della vita in cui i genitori vanno d’accordo, gli amici hanno affrontato la depressione al punto che non vogliono più stare in giro, e tutti hanno avuto i loro alti e bassi, qualunque sia il loro background. È normale sentirsi un po’ male, ed è normale anche parlarne”.

Back To Top